Gisella Motta



       fotogiornalista

La mia prima macchina fotografica mi fu regalata all’età di 12 anni ed era una Nikon EM. Poi ne sono arrivate altre, anche digitali e la mia attrezzatura è diventata quasi come un fidanzato che mi segue dappertutto. I miei colleghi chiamano il mio zaino fotografico “il bambino” perchè io non lo lascio solo neanche nella camera dell’albergo in cui alloggio.

Gli obbiettivi sono quelli che più o meno utilizzano tutti. Dal 14mm al 300mm. E se mi dovessero chiedere qual’è la macchina fotografica che ti è piaciuta di più sicuramente risponderei la mitica F3: leggera, essenziale e precisa.